Kufid

 Regia: Elia Moutamid | 2020 | 58'

Il regista Elia Moutamid, tornato a Brescia dopo dei sopralluoghi in Marocco, sta per iniziare a lavorare a un documentario sui fenomeni urbanistici marocchini, quando il mondo si blocca a causa della pandemia di Covid-19, che lo relega a casa per mesi. Suggestionato dal materiale raccolto, il regista intraprende una riflessione e un percorso autobiografico che lo spingono verso nuove direzioni, rispetto agli intenti iniziali. La stesura dei diari scritti durante la quarantena forzata, tra incursioni nella cronaca, vicende personali e familiari, tra ironia e antropologia, diventa un confronto attivo con un'entità, "Kufid", che sconquassa vite ma non scalfisce stereotipi e pregiudizi, lasciando in sospeso questioni irrisolte. 

Elia Moutamid: nato a Fes, Marocco, e cresciuto a Rovato, nel 2007 realizza il suo primo cortometraggio "KLANdestino" (premio IFF - Integrazione Film Festival) e si diploma all'Accademia di Cinema Mohole a Milano. Nel 2015 realizza "Gaiwan", cortometraggio finalista a oltre 70 film festival internazionali in cui ottiene numerosi riconoscimenti, e il suo primo lungometraggio "Talien", menzione speciale come miglior regista esordiente ai Nastri d'Argento 2018. "Kufid" è il secondo lungometraggio biografico, in concorso al 38° Torino Film Festival nella sezione TFFDOC/ITALIANA, all'Integrazione Film Festival 2021, nella sezione EXTR'A del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina 2021 e al Film Festival del Garda 2021, ricevendo in questi ultimi due la Menzione Speciale della Giuria.