Telling My Son's Land

Ilaria Jovine, Roberto Mariotti | 84' | 2021

Nancy Porsia, giornalista freelance, si reca in Libia nel 2011, quattro giorni dopo la morte di Gheddafi. Trasferitasi definitivamente nel Paese, per un lungo periodo è l'unica giornalista internazionale a raccontare il suo travagliato processo di democratizzazione. A causa della pubblicazione di un'inchiesta sulla collusione della Guardia Costiera Libica con il traffico di migranti, incinta di un bimbo per metà libico, nel 2017 è costretta a lasciare il Paese. Nonostante ciò, Nancy non si arrende e rimane lontana dalla terra di suo figlio. 

Ilaria Jovine si laurea in Letteratura Italiana Contemporanea alla Sapienza di Roma. Studia sceneggiatura con Sergio Donati e Arcangelo Mazzoleni e si diploma in regia e drammaturgia teatrale all'Accademia del Teatro dell'Orologio. Come ghost writer, è autrice di varie sceneggiature per il cinema. Nel 2012 gira il suo primo documentario, In piazza. Voci intorno Piazza Testaccio, con cui inizia la sua collaborazione con Roberto Mariotti. 

Roberto Mariotti inizia l'attività di regista e autore da autodidatta e nel 2002 inizia a scrivere e a dirigere diversi cortometraggi di finzione. Nel 2014 termina il suo primo lungometraggio, dal titolo The Italian dream, e l'anno successivo dirige un corto di animazione, Il dono, scritto da Ilaria Jovine, vincitore dello Short Food Movie 2015 e presentato all'Expo di Milano. Telling My Son's Land è stato selezionato nella sezione Industry "Visioni Incontra" del Visioni dal Mondo Film Festival di Milano e dal pitch forum del Pesaro Film Festival di Perugia nel 2018.