Il resoconto della prima giornata – Martedì 2 agosto

La prima giornata di questa ventesima edizione del Festival si è aperta nel pomeriggio, quando al Cinema-Teatro si è svolta la proiezione della prima porzione dei corti internazionali per la sezione Paesi in corto.

L’evento è stato avvalorato dalla presenza di Cristian Scardigno, distributore ufficiale di A shared path, corto di produzione iraniana. Ai cinque contenuti stranieri si sono poi susseguiti i primi corti italiani di questa stagione, presso la medesima sede.

Successivamente, la mostra fotografica “Un Festival, un paese” è stata inaugurata, presso la sua sede in Galleria Iannucci. L’esibizione raccoglie i momenti chiave del primo ventennale del festival in una serie di scatti iconici che si concentrano sugli ospiti che la rassegna ha potuto vantare negli anni ma anche nell’evoluzione delle dinamiche festivaliere stesse, dai suoi esordi itineranti al suo assetto attuale. L’evento è organizzato da Pasquale d’Imperio e Federico Pommier Vincelli in collaborazione con la fotografa ufficiale del Festival Francesca Iannella. L’inaugurazione della mostra, avvenuta alla presenza della sindaca Sabrina Lalitto, è stata affiancata dalla partecipazione del buffet organizzato da BioSapori.

Poco più tardi in Arena ha avuto luogo la cerimonia d’apertura ufficiale del Festival, alla presenza dei direttori dei singoli aderenti alla Rete dei Festival adriatici. All’evento è seguito, nella medesima sede, la proiezione del documentario (non in concorso) Il tesoro della sua giovinezza: Paolo di Paolo, dedicato all’eponimo fotografo che ha segnato la storia degli scatti di questo Paese. Lo stesso di Paolo, ormai intenzionalmente lontano dal parterre dei Festival e degli eventi in toto, ha sottolineato la sua volontà di prendere eccezionalmente parte alla proiezione del contenuto a lui dedicato in occasione di MoliseCinema, in virtù del suo attaccamento all’ambientazione molisana, senza riuscire ad evitare di tradire un velo di commozione nel corso del suo intervento. La serata nel suo svolgimento ha coinvolto anche la partecipazione della modella e attrice Greta Ferro, che si è aggiunta a di Paolo nel manifestare il suo attaccamento al Molise, ragione della sua partecipazione.

Immediatamente a seguire il doc special su Paolo di Paolo ha avuto luogo, presso la medesima sede, la proiezione del primo lungometraggio in concorso, Il legionario, introdotto dal regista stesso Hleb Papou che ha commentato il proprio processo creativo menzionando le venature concettuali socio-politiche che permettono di profilare la sua opera. Poco dopo, in Arena Piccola, ha raccolto il coinvolgimento del pubblico la proiezione di Ema ess unit – La vera storia del Calciocavallo, per la propositiva rassegna Girare il Molise.

Link alla galleria fotografica riassuntiva della giornata: http://molisecinema.it/mc/galleria-fotografica/foto/festival-foto-2022/molisecinema-2022-2-agosto.html

Link al video riassuntivo della giornata: https://www.instagram.com/p/CgzhGgBAyOc/